Imposta il tuo punto vendita preferito
Avviso di richiamo prodotti

News dal mondo Coop Ambiente

07/12/2012 - [Tutto Coop] [consumi] [bilanci e rapporti]

Che consumatori saremo nel 2013? 

Il punto sull'anno trascorso e le previsioni per i prossimi mesi nel Rapporto Coop Consumi

Il 2012 fa segnare la più ampia contrazione dal dopoguerra (-4%) dei consumi delle famiglie e il 2013 si stima faccia segnare un ulteriore - 1,3%. Dopo sei anni di crisi, i consumi degli italiani torneranno in media indietro di ben 17 anni: ai livelli del 1996. Rimarranno in grande difficoltà gli alimentari (la spesa deflazionata procapite più bassa dagli anni '60), l'auto (valo ritornati al 1974), l'abbigliamento (1984). In arretramento anche i viaggi (1994) e la ristorazione (1999). A causa del forte aumento dei prezzi non cambia invece significativamente la spesa per carburanti, utenze, mutui e affitti. Inattesa vitalità delle vendite della grande distribuzione sotto l'albero: dopo mesi di gelata dei consumi e di un inizio dicembre molto difficile, le famiglie hanno concentrato gli acquisti di cibo e regali in iper e discount nell'ultimissimo scorcio d'anno (+5% nelle ultime 2 settimane).

Sono i dati e le previsioni di Coop, la prima catena della grande distribuzione in Italia all'indomani delle festività desumibili dal Rapporto Coop "Consumi & Distribuzione", redatto in collaborazione con Ref Ricerche e Nielsen ora in versione completa dopo l'anteprima digitale dello scorso settembre.
 
Il 2012 si chiude con una flessione del Pil quantificabile in un 2,2% ma con un impatto ben più profondo sui redditi delle famiglie e la più ampia riduzione dei consumi dal dopoguerra. L'aggiustamento dei conti pubblici (il debito sfiora il 127% del Pil) la crescita della disoccupazione (oltre il 12%) e il ritorno dell'inflazione (+3% nel 2012) hanno obbligato le famiglie a ridurre la spesa del 4% rispetto all'anno precedente (al netto dell'inflazione). E purtroppo occorre mettere in conto una ulteriore riduzione nel 2013 (stimabile in -1,3%). Sono le previsioni di Coop, la prima catena della grande distribuzione in Italia all'indomani delle festività desumibili dal Rapporto Coop "Consumi & Distribuzione", redatto in collaborazione con Ref Ricerche e Nielsen ora in versione completa dopo l'anteprima digitale dello scorso settembre (il volume è visibile e scaricabile su www.e-coop.it) con l'aggiunta delle previsioni dei consumi delle singole merceologie per il prossimo biennio.
Ma il 2012 è solo l'ultimo anello della lunga catena della crisi e alla fine del prossimo anno infatti la spesa procapite degli italiani al netto dell'inflazione arretrerà ai livelli della metà degli anni ‘90.
 
In particolare difficoltà i prodotti alimentari (dagli anni sessanta la spesa procapite deflazionata non è mai stata così bassa), l'auto (stessa spesa procapite del 1974), l'abbigliamento (1984). Addirittura i viaggi tornano indietro di un ventennio (1994) e la ristorazione outdoor di quasi quindici anni (1999). I consumi degli italiani si sono invece dovuti concentrare sulle spese obbligate (carburanti, utenze, affitti, mutui) che infatti non sono stati toccati dalla crisi e continuano la loro crescita.
In questo contesto gli acquisti del largo consumo del 2012 hanno sofferto particolarmente e le vendite della grande distribuzione italiana hanno fatto segnare un andamento negativo (-0,7% a parità di rete e a valori correnti) che ha penalizzato particolarmente gli esercizi più piccoli (libero servizio -2,3%) e quelli più grandi (Iper>2.500 -1,6%) e premiato ancora una volta i discount (+4,6%).
 
Dal quadro dipinto a tinte fosche degli ultimi mesi si è in parte distinto il mese di dicembre che ha chiuso lievemente sopra i livelli dell'anno precedente. Le prime due settimane del mese, in concomitanza con il pagamento dell'Imu, avevano fatto registrare una brusca frenata (- 4% a parità di rete), mentre gli acquisti delle festività proprio a ridosso di Natale e Capodanno hanno fatto segnare un inatteso progresso tanto che le vendite della grande distribuzione sono cresciute di oltre il 5%.
"I consumi sono diminuiti quattro volte di più di quanto è calata la spesa pubblica e la vera spending review in Italia le famiglie l'hanno fatta a casa propria riducendo gli sprechi e il superfluo anche negli acquisti di Natale –sostiene Albino Russo, responsabile dell'Ufficio Studi Economici di Ancc-Coop (l'associazione nazionale delle cooperative di consumatori) che cura il rapporto annuale "Consumi & Distribuzione"- "Senza possibilità di andare in vacanza - o anche al solo ristorante – gli italiani si sono rivolti alla grande distribuzione per allestire la tavola delle festività e fare i piccoli regali di famiglia. Premiando però soprattutto i formati più economici e convenienti. Nelle ultime due settimane dell'anno infatti fanno segnare un incremento le vendite dei discount (+9% sul 2011) e soprattutto dei formati maggiori –grandi supermercati e ipermercati- (+8%) che in maniera anche un po' sorprendente danno segni di rinnovata vitalità dopo un periodo difficile".
 
Per informazioni: Silvia Mastagni: responsabile ufficio stampa Coop
Tel. 06441811 - silvia.mastagni@ancc.coop.it
 
 



Share