news

Intervista Presa Diretta
Condividi

12 Ottobre 2020

Coop ha deciso di intervenire nella trasmissione di Presa Diretta andata in onda lunedì 12 ottobre 2020. Il presidio di Coop sulle filiere dell’ortofrutta passa attraverso rapporti diretti, trasparenti e continuativi con i propri fornitori.

 

Sono 832 in totale i fornitori di ortofrutta compresi i locali; 235 quelli nazionali, 103 quelli a marchio Coop di cui, con i principali, si sviluppa il 75% del fatturato complessivo. Mediamente con questi fornitori la durata dei contratti data oltre 20 anni. Sono pochissimi i casi in cui Coop ha interrotto le relazioni e solo a fronte di problematiche legate al non rispetto dei requisiti Coop o per la riduzione di passaggi intermedi della filiera. In 25 anni sono usciti una decina di fornitori. Sono di più le aziende che decidono di smettere di fornire Coop per loro libera scelta e, per lo più, per cessata attività.

 

CAMPAGNA “BUONI E GIUSTI”

 

Nel 2016, Coop ha rilanciato il suo storico impegno sul versante etico - Coop è stato il primo distributore in Europa a aderire dal 1998 allo standard SA8000 per ottenere precise garanzie in tema di responsabilità sociale dai propri fornitori di prodotto a marchio - con la campagna “Buoni e Giusti” potenziando i controlli in campo anche sul versante dei diritti dei lavoratori.


Fra i requisiti richiesti nei capitolati sottoscritti da Coop con i fornitori di ortofrutta vi sono inoltre la richiesta di produzioni coltivate nel rispetto del metodo di “Produzione integrata” secondo i disciplinari regionali ufficialmente approvati, la riduzione dei residui del 70% rispetto ai limiti di legge, la gestione e conoscenza dell'intera filiera produttiva e tracciabilità di tutte le pratiche agricole dalla semina/trapianto, le caratteristiche qualitative: al fine di garantire uno standard soddisfacente al consumatore vengono definiti, per ogni tipologia di frutto, parametri di durezza e zucchero.

 

Promozioni e News

INTERVISTA A CLAUDIO MAZZINI

 

Di seguito le domande di Presa Diretta e le risposte integrali di Claudio Mazzini, responsabile Freschissimi di Coop Italia.

“Abbiamo collaborazioni dirette con la produzione. La selezione dei nostri fornitori è lunga, analitica ma una volta entrati con loro attiviamo progetti condivisi”.

“Per interrompere la relazione ci vuole una seria motivazione o di carattere etico o legata alla sicurezza alimentare. Quasi mai si tratta di una mera questione commerciale”

 

PER APPROFONDIRE

Dalle testimonianze dirette dei fornitori dell’ortofrutta Coop alla campagna “Buoni e giusti”.

Come da contratto chiediamo ai nostri fornitori che non ci facciano proposte di prezzo al di sotto dei prezzi medi di produzione. Ci possono essere casi specifici in cui Coop è intervenuta supportando la produzione nazionale. La nostra intenzione è avere relazioni trasparenti e corrette anche in un mercato così imprevedibile perché altamente sensibile ai cambiamenti climatici”

 

Come dimostra anche l'intervento di Coop a sostegno dei produttori agricoli siciliani a fronte della crisi legata al pomodoro pachino nel 2016.

“Le promozioni sono di due tipi. La prima è un accordo preventivo in cui si propone al fornitore mesi prima il periodo della promozione e si concorda la scontistica. Il fornitore non arriva impreparato alla negoziazione e considera lo sconto quando formula il prezzo.

C’è poi il caso in cui il fornitore ha un eccesso di produzione dovuto ad esempio a fattori climatici ed è lui a proporre una scontistica per spingere l’acquisto e il relativo consumo di quel prodotto”.

“Non facciamo promozioni su prodotti che hanno subito oscillazioni importanti dovuti a eventi climatici inattesi. Non avrebbe senso mettere in difficoltà i nostri fornitori.

Nessuno è suicida, in casi critici possiamo modificare quella promozione”

 

Come specifica Myfruit nell’articolo di settembre 2020 “Tour virtuale nei volantini Gdo: vince il sottocosto”, non sono presenti vendita sottocosto da Coop.

“Le relazioni stabili e durature ci permettono di gestire aspetti critici. Per costruire il rapporto che noi vogliamo con i fornitori ovvero percorsi di filiera garantiti, tracciati ci vogliono almeno 5 anni, da noi non ci sono ritorsioni se un fornitore non riesce a soddisfare richieste di scontistica. Sarebbe autolesionistico”

”La scontistica è programmata annualmente e concordata sulla disponibilità del fornitore”

 

“L’Antitrust ha fatto un lavoro molto superficiale contro il quale abbiamo presentato ricorso, ancora in fase di valutazione, e abbiamo documentato le nostre azioni”

"Celox era un nostro fornitore ma non era un produttore agricolo, bensì un grossista che comprava da terzi in base al venduto"

"1 caso su 2000 fornitori in 20 anni è una rondine che non fa primavera”

 

Il tema della sentenza Antitrust è stato approfondito in due note per Corriere della Sera nel gennaio 2016  e Internazionale.it nel marzo 2017.

“Se si riferisce al caso specifico l’unico errore può essere stato di natura formale ma non sostanziale. Oggi il nostro primo fornitore di pere è una cooperativa che vendeva le pere a quel grossista che poi le rivendeva a noi. È giusto che quel valore aggiunto non si perda in intermediari ma vada direttamente alla produzione”


Esemplificativo dell’impegno di Coop è la campagna “Coop a fianco dei produttori sardi di latte” , raccontata anche in un articolo su Avvenire e su La Repubblica.
Ne parla anche Rolando Calzolari di Univeg.

Per quanto riguarda la sentenza Antitrust sulla filiera del pane, a novembre 2018 Marco Pedroni, Presidente di Coop Italia, ne ha parlato in un’intervista a Rai Radio 1 e a luglio 2019 Coop ha risposto con un comunicato che può essere letto su https://bit.ly/36HNCi8.

“Le aste a doppio ribasso sono una grave stortura del mercato e rischiano di stressare i produttori. Noi non le abbiamo mai fatte né le faremo”

“Sulla scontistica la promozionalità o è concordata a monte e per tempo e i fornitori la considerano quando formulano il costo di produzione o è offerta da loro in caso di eccedenze produttive”

“Nessun fornitore di ortofrutta di Coop è uscito negli ultimi 20 anni, se consideriamo gli ultimi 5 il parco fornitori è stabile o è leggermente aumentato” “La GDO è un aggregato che non esiste nella realtà, io parlo per Coop”

 

Coop ha inoltre espresso in un comunicato  la soddisfazione per l’approvazione della legge sul divieto di aste a doppio ribasso.  Il tema delle aste al ribasso è stato approfondito anche in un’intervista a Rai Radio 1 a luglio 2019.

“Essere primi nella classifica stilata da Oxfam e a distanza siderale dai nostri competitor è frutto di una politica che non nasce oggi, non è una moda del momento ma è il modo di lavorare di Coop da sempre” 


“Nell’etichetta dei nostri prodotti a marchio anche nell’ortofrutta il consumatore trova l’indicazione di chi produce. Non nascondiamo i produttori, li valorizziamo ed è con loro che abbiamo lanciato le ultime campagne, quella per la diminuzione nell’uso dei concimi chimici o quella volta a ridurre in coltura l’utilizzo dell’acqua”

 

Il rapporto Oxfam 2020 “Diritti a scaffale”  ha confermato in testa alla classifica Coop, come approfondito nel comunicato disponibile su https://bit.ly/2SDGN8Y 
Ne parlano anche alcuni protagonisti del progetto Non siamo tutti uguali  come Michele Carletti , ispettore, e Fabio Grimaldi, azienda agro-alimentare Cav Uff Pietro Grimaldi e Salvatore Dell’arte, presidente Cooperativa Aurora.

GUARDA L'INTERVISTA INTEGRALE

“Essere primi nella classifica stilata da Oxfam e a distanza siderale dai nostri competitor è frutto di una politica che non nasce oggi, non è una moda del momento ma è il modo di lavorare di Coop da sempre” 


“Nell’etichetta dei nostri prodotti a marchio anche nell’ortofrutta il consumatore trova l’indicazione di chi produce. Non nascondiamo i produttori, li valorizziamo ed è con loro che abbiamo lanciato le ultime campagne, quella per la diminuzione nell’uso dei concimi chimici o quella volta a ridurre in coltura l’utilizzo dell’acqua”

 

Il rapporto Oxfam 2020 “Diritti a scaffale”  ha confermato in testa alla classifica Coop, come approfondito nel comunicato disponibile su https://bit.ly/2SDGN8Y 
Ne parlano anche alcuni protagonisti del progetto Non siamo tutti uguali  come Michele Carletti , ispettore, e Fabio Grimaldi, azienda agro-alimentare Cav Uff Pietro Grimaldi e Salvatore Dell’arte, presidente Cooperativa Aurora.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando su qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso di cookie.

Impostazioni dei Cookie
Annulla

PROVA A CERCARE


Prodotti come Olio di oliva o Yogurt greco

Linee di prodotto come Origine o D’Osa

Categorie di prodotto come Surgelati o Pasta

Caratteristiche che cerchi come Senza Glutine