Imposta il tuo punto vendita preferito

News dal mondo Coop Ambiente

04/12/2014 - [Tutto Coop] [etica]

Coop diventa sostenitore del Protocollo di Milano

Coop diventa sostenitore del Protocollo di Milano promosso dalla Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition

Il Protocollo di Milano si propone come base di discussione per pianificare il nostro futuro alimentare e salvaguardare il nostro Pianeta. Negli ultimi 12 mesi, 500 esperti internazionali hanno fornito il proprio contributo al Protocollo di Milano, oltre 70 tra organizzazioni e soggetti istituzionali hanno dato il proprio sostegno e migliaia di persone hanno già aderito attraverso la piattaforma dedicata www.protocollodimilano.it.

 

Oggi, 4 dicembre 2014 il Protocollo di Milano viene consegnato alle istituzioni e ANCC-Coop e Coop Italia diventano ufficialmente sostenitori dell'accordo mondiale su alimentazione e nutrizione in vista di Expo 2015. Una proposta di patto globale sul cibo già sostenuta da numerose organizzazioni internazionali tra cui la Jamie Oliver Foundation, Eataly, Slow Food, Coldiretti, WWF e Save The Children.

In pieno accordo con le linee guida del documento, Coop è da sempre impegnata in iniziative concrete per la sostenibilità alimentare e ambientale attraverso azioni a favore dei consumatori, attività di informazione e formazione sul consumo consapevole che in oltre trent'anni hanno coinvolto migliaia di scuole, studenti, insegnanti e famiglie. E Coop è peraltro parte attiva di Expo 2015 coinvolta nella progettazione del "supermercato del futuro".

"La sostenibilità dello sviluppo economico, cioè di una crescita equilibrata tra produzione alimentare e sfruttamento delle risorse del pianeta, è uno dei criteri fondamentali che guidano le strategie di Coop. Riteniamo importante il ruolo di modelli produttivi e di imprese a larga partecipazione e gestione democratica, nell'assicurare un cibo buono e sicuro per tutti e creare così consapevolezza sul futuro del Pianeta" ha spiegato Marco Pedroni presidente Coop Italia.

 

"Aderiamo volentieri al protocollo di Milano perché è coerente con i valori che la cooperazione promuove. Dibattere con istituzioni, imprese, cittadini e attori della società civile sull'insostenibilità dell'attuale ritmo di consumo delle risorse come fa il Protocollo di Milano è infatti un modo di attivare un processo di costruzione partecipata e cooperativa che aiuta a fare "comunità" " ha commentato Enrico Migliavacca vicepresidente vicario Ancc-Coop.

 

Il Protocollo si pone come obiettivi la lotta allo spreco alimentare, con l'abbattimento del 50% entro il 2020 dell'impressionante cifra di 1.3 miliardi di tonnellate di cibo sprecato nel mondo, attraverso campagne mirate ad accrescere la consapevolezza del fenomeno e accordi di lungo termine che coinvolgano l'intera catena alimentare a partire dalla filiera agricola; l'attuazione di riforme agrarie e lotta alla speculazione finanziaria, promuovendo un'agricoltura più sostenibile, e la lotta alla fame e all'obesità, con il richiamo all'importanza dell'educazione alimentare e di uno stile di vita sano.


SCARICA IL COMUNICATO STAMPA



Share