Il fenomeno dei gatti volanti

IL FENOMENO

DEI GATTI VOLANTI

Quando la temperatura diventa piacevole e le persone iniziano a lasciare aperte le finestre del loro appartamento, uno dei pazienti classici assistiti dai veterinari è proprio il gatto volante, il gatto che cade dal piano alto, un fenomeno trattato in tutti i testi di patologia del gatto, tanto che i veterinari in America gli hanno anche dato un nome: High Rise Syndrome (sindrome della caduta dall’alto).

Con il sopraggiungere della bella stagione, viene spontaneo aprire le finestre per un sano ricircolo di aria, ma forse non tutti i padroni dei nostri gatti domestici hanno idea del rischio al quale, inconsapevolmente, li espongono.

Come si fa con i bambini piccoli, quando si vive a dei piani alti, anche se non si tratta di un vero e proprio grattacielo, bisogna prestare molta attenzione anche con i nostri felini.

Si dice che i gatti abbiano sette vite e capita di sentire storie di gatti rimasti illesi dopo una caduta dal balcone, ma nella maggior parte dei casi, quando i gatti cadono, possono subire lesioni gravi che vanno ben oltre le ossa rotte e molte di esse, non sono visibili ad occhio nudo, ma solo dopo un accurato esame clinico e dopo gli accertamenti diagnostici (radiografie, ecografie).

In questi casi, è molto comune che riportino la formazione di ematomi al cuore e ai polmoni, la frattura della mascella inferiore, e contusioni al cranio. A molti di questi gatti capita anche di soffrire della rottura della vescica urinaria, di un’emorragia interna, o frattura costale - oltre alle zampe rotte.

I costi per il trattamento di gravi casi di sindrome sono spesso molto alti e questi animali in genere avranno bisogno di restare in clinica per diversi giorni.

I gatti hanno un ottimo istinto di sopravvivenza e non saltano volontariamente da luoghi elevati, ma sono molti i casi di felini che precipitano giù accidentalmente dalle finestre… Come si spiega questo fenomeno?

Le vittime della sindrome della caduta dall’alto sono gatti giovani, nati l’anno precedente e che per la prima stagione sperimentano (sfortunatamente) l’ebrezza di una rovinosa caduta, oppure i gatti che hanno traslocato ad un piano alto durante l’inverno o quelli con problemi visivi o articolari.

Le cause possono essere dovute ad uno spavento mentre il gatto sta sul davanzale di una finestra aperta (come nel caso di un rumore forte), oppure alla perdita dell'equilibrio durante il salto sulla sporgenza. Può capitare anche durante la caccia da una finestra aperta ad insetti di passaggio, mosche, o uccelli.

È interessante notare che i gatti che cadono da altezze superiori a sette piani in genere subiscono lesioni minori e meno gravi, comunque da non sottovalutare.
La spiegazione, secondo i ricercatori, è che il gatto, quando cade da un’altezza elevata, ha il tempo di distendere completamente il corpo, facendolo atterrare, distribuendo l’impatto su ogni cm.
Per i gatti che cadono dai piani intermedi (dal 4° al 7°), i traumi diventano più gravi e la mortalità più alta, in quanto essi non riescono a distendere il corpo, irrigidendosi ed aumentando i danni del contatto col suolo.

Data la potenziale gravità delle ferite riportate, il rischio di morte, i costi associati al trattamento (e il fatto che in generale se in casa ci sono bambini anch’essi possono correre rischi se finestre e balconi sono accessibili), bisogna cercare di prendere delle adeguate precauzioni.

Ecco alcune cose che si possono fare per prevenire questo sfortunato evento:

1. INSTALLAZIONE DI ZANZARIERE BEN ATTREZZATE E SICURE.

Se si dispone di finestre che si desidera aprire, questa misura di sicurezza non impedirà al vostro gatto di ottenere tutta l'aria fresca che può desiderare, ma allo stesso tempo si potrà impedirgli di cadere giù.
Basta essere sicuri di controllarle regolarmente per garantire che le zanzariere siano comode e sicure, e che il vostro gatto non sia riuscito lentamente a fare un buco con i suoi artigli.


2. Se possibile, aprire la parte superiore delle finestre, piuttosto che il fondo.

 

3. Chiudere sempre tutte le finestre prima di uscire.

Prendete l'abitudine di chiudere tutte le finestre prima di uscire. Non potete sapere cosa succede mentre non ci siete: molti gatti hanno paura dei rumori forti, soprattutto di quelli improvvisi, e lo spavento, come abbiamo spiegato, è una delle principali cause della sindrome da grattacielo.

 

4. NON LASCIATE INOSSERVATO IL VOSTRO GATTO SUL BALCONE.
E non lasciate che salti sulla ringhiera. Spostate la mobilia del balcone lontano dalle ringhiere per impedire che il gatto si aiuti con essa a saltare sulla ringhiera. 
 

5. CHIUDERE LE FINESTRE PRIMA DI LANCIARE PALLINE O ALTRI GIOCATTOLI AL VOSTRO GATTO.

Se il vostro micio dovesse cadere da una finestra, portatelo immediatamente dal veterinario in modo che possa visitarlo e fargli avere subito le cure più urgenti. Come abbiamo spiegato, l'elenco dei potenziali infortuni che potrebbe aver subito è molto più lungo delle semplici ossa rotte, e molti delle conseguenze possono essere interne e non visibili ad occhio nudo. Non è saggio cercare di curarli a casa!

Inoltre i gatti volanti tendono a reiterare, quindi, non fidatevi dello spavento che possono essersi presi con una precedente caduta e adottate costantemente le adeguate precauzioni!
 

A cura di Mypetclinic Clinica Veterinaria