Consigli per le feste

I NOSTRI

CONSIGLI PER LE FESTE

Gli animali domestici sono preziosi compagni di vita e occupano un ruolo fondamentale nella quotidianità di milioni di famiglie, condividendo con noi tutti i momenti più speciali, come le feste natalizie. Per evitare che quelli che sono per noi dei momenti di gioia e di condivisione, si rivelino un incubo casalingo per i nostri amici a quattro zampe, è bene essere informati su tutti gli accorgimenti utili ad evitare le insidie o le brutte avventure per i nostri pet.

LE DECORAZIONI

La tradizione vuole che per l’8 dicembre, solennità dell’Immacolata Concezione di Maria, le case degli italiani siano pronte con gli addobbi natalizi: un albero scintillante e decorazioni varie, a seconda del gusto di ognuno, e piante a rendere più viva l’atmosfera. Fido e Micio ci osservano armeggiare con oggetti strani e luminosi e poi rimangono estasiati anche loro dinanzi ai giochi di luci e ombre creati dalle decorazioni… ma bisogna fare particolare attenzione! E’ bene controllare, ad esempio, che le decorazioni dell’albero a portata di cane e gatto non contengano ganci metallici né materiali rischiosi in caso di rottura delle palline, come il vetro ad esempio. Quindi in linea di massima salvate gli ornamenti più preziosi e pericolosi, mettendoli sui rami superiori e lasciate le decorazioni più "sicure" (quelle in legno ad esempio) nella parte inferiore. Bisogna fare attenzione al fatto che l’albero di Natale sia ben fissato a terra in modo che Fido non possa urtarlo e farlo crollare, né che il gatto aggrappandosi a qualche decorazione non finisca per tirarselo addosso e che non ne mordicchino i rami, che ingeriti potrebbero causare seri guai.


Anche le lucine natalizie usate per decorare casa potrebbero essere pericolose tra i cuccioli: i più piccoli potrebbero infatti mordicchiare i cavi o ingoiare le lucine stesse e rischiare il soffocamento. Evitate di lasciare in giro le cordicine e nastrini decorativi che usate per impacchettare i vostri doni: sono un potenziale pericolo da non sottovalutare, se ingeriti causano pericolosissimi grovigli nello stomaco o nell'intestino di cani e gatti! Per sviare l’attenzione del gatto potete lasciarlo giocare con una scatola di cartone dei regali vuota (senza carta o nastri) a cui praticare prima qualche foro con le forbici, ne sarà felicissimo! Nel caso del cane basterà tenere a portata di mano i suoi giochi e fargli capire che è con quelli e solo con quelli che potrà divertirsi insieme a voi.

PIANTE TOSSICHE

Anche alcune piante natalizie per eccellenza possono nascondere non poche insidie, risultando tossiche per l’animale. Nello specifico bisogna evitare che il cane o il gatto ingeriscano:

 

  • Agrifoglio (Ilex sp), che potrebbe causargli sintomi come vomito e diarrea.
  • Amaryllis (Amaryllis spp) potrebbe causargli tremori, diarrea, perdita di appetito e salivazione eccessiva. 
  • Cactus di Natale (Schlumbergera) può provocare vomito e diarrea se il cane ne ingerisce in quantità elevate.
  • Stella di Natale (Euphorbia) è altamente tossica per gli animali: se mordicchiata può provocare intossicazione.
  • Vischio (Phoradendron spp), anche in questo caso dopo l’ingestione il cane può manifestare vomito e diarrea, inoltre possono insorgere difficoltà respiratorie e battito cardiaco accelerato.

ALIMENTI TOSSICI O DA EVITARE

In linea generale sono da evitare:

  • il cioccolato (in particolare quello fondente, tossico per cani e gatti)
  • Alcool: è un vero e proprio veleno per i nostri animali. State attenti non solo ai bicchieri incustoditi, ma anche ai cibi contenenti alcool, come torte o biscotti di vario tipo.
  • cibi fritti o che contengano sughi o salse
  • cibi contenenti cipolla: è letale per loro
  • i dolci (non solo quelli natalizi)
  • le caramelle e le gomme senza zucchero, che contengono xilitolo, sostanza che può causare un'ipoglicemia perché dà un improvviso rilascio di insulina.
  • le noci, la frutta secca e l’uvetta
  • gli avanzi e in particolare gli ossicini
  • l'avocado, frutto esotico frequentemente utilizzato in questo periodo: sia la polpa che le foglie contengono una tossina pericolosa per cani e gatti.

Massima allerta se il vostro pet presenta questi sintomi: comportamento letargico, vomito o diarrea, potrebbero indicare che ha mangiato qualcosa di tossico! Si consiglia di portarlo dal veterinario il più presto possibile!

Cosa invece potete fare:

  • Se non resistete agli occhi dolci che cane e gatto vi fanno mentre vi abbuffate, provate a dar loro della frutta che non fa male e che spesso, contrariamente a quanto si pensa, è molto gradita dai nostri amici a quattro zampe.
  • Tenete a disposizione i biscotti per cani o gatti ipocalorici o naturali e qualche crocchetta da dare come extra al nostro amico a quattro zampe.

COMBATTERE LO STRESS

Il Natale porta dei grandi cambiamenti nelle nostre case e per i nostri amici a quattro zampe può essere fonte di stress. Cani e gatti amano la loro casa e le loro abitudini e vedere tutto ciò stravolto dalle decorazioni, dalle lucine, dal via vai di gente in casa, dalla musica e dalla confusione, può sconvolgere non poco il loro equilibrio. E’ un problema molto più sentito dai gatti, ma anche i cani, soprattutto se anziani, possono soffrirne. Un accorgimento utile alla loro serenità e al loro benessere è quello di predisporre per il vostro cane o il vostro gatto un posto tranquillo lontano dalla confusione in una stanza appartata, con la porta socchiusa. Se si tratta di animali anziani, è ancora meglio se si tratta di zone di riposo facilmente accessibili, dotate di cuscini e coperte. Se le attenzioni dei vostri ospiti - soprattutto nel caso di bambini - sembrano rendere nervoso il cane o il gatto, concedetegli di ritirarsi nel suo luogo di relax e chiedete ai vostri ospiti di rispettare il suo desiderio di privacy.

I BOTTI DI CAPODANNO

Gli animali hanno una soglia uditiva molto più sviluppata e sensibile della nostra: petardi e fuochi d'artificio, immancabili nella notte di San Silvestro, sono una vera e propria tortura per loro e possono scatenare diversi stati d’animo, dal semplice disorientamento al terrore.

 

Ecco alcuni suggerimenti per gestire lo stress causato nei nostri pet dai “botti” di fine anno:

  • tenete i vostri amici a quattro zampe al chiuso (anche quelli che normalmente vivono all’esterno) in un luogo conosciuto, comodo e rassicurante, con il loro giaciglio e alcuni oggetti familiari: giochi, ciotole, qualcosa da rosicchiare, soprattutto per la serata del 31 dicembre!
  • Se il cane resta a casa da solo: lasciate le luci accese, le porte aperte e almeno due stanze a disposizione; il suo giaciglio deve essere ben raggiungibile; non lasciate oggetti che lo possano ferire; inibite i nascondigli troppo angusti per evitare che si ferisca per entrarci; lasciate liberi i soliti nascondigli; lasciate a disposizione i suoi giochi, qualcosa da rosicchiare e la ciotola dell’acqua (anche se, quando un cane è spaventato, non mangia e non beve); cercate di minimizzare l’effetto dei botti tenendo accese radio o Tv.
  • Se il cane è in casa con il proprietario: informate gli ospiti sul corretto atteggiamento da tenere (è meglio se rimangono passivi lasciando a voi il controllo della situazione); lasciate le porte aperte, il suo giaciglio deve essere sempre ben raggiungibile; inibite i nascondigli troppo angusti; se si nasconde, non cercate di tirarlo fuori con la forza, deve farlo di sua iniziativa; non controllatelo, non deve pensare di essere al centro dell’attenzione e deve muoversi liberamente; se abbaia, ulula o guaisce non premiatelo con carezze “rassicuranti” poiché ne confermerebbero il comportamento, cercate piuttosto di distrarlo con i suoi giochi o con bocconcini appetitosi. Ricordatevi che voi siete il suo punto di riferimento: se vi vede allegri e tranquilli si rassicurerà automaticamente.
  • Attenzione ai balconi aperti: possono essere visti come disperate vie di fuga!
  • considerando che spesso si sparano botti anche ben prima della mezzanotte durante la giornata del 31, quando portate a spasso il vostro cane, non slegatelo mai dal guinzaglio, neanche al parco o nei soliti posti di sgambamento, per evitare fughe provocate da uno spavento improvviso;
  • Altra regola fondamentale: assicurarsi che cane o gatto abbiano tutti gli elementi identificativi possibili (microchip e medaglietta con indirizzo e telefoni validi) per facilitare le ricerche in caso di fuga dell'animale spaventato dal rumore. Nel caso, denunciare subito lo smarrimento alla Polizia Municipale o alla Asl.
  • Nei casi di animali anziani, cardiopatici o particolarmente sensibili ai rumori, rivolgersi con anticipo al proprio veterinario di fiducia, per una eventuale somministrazione di rimedi tesi ad abbassare il livello di ansia e di paura.

UN PET NON È UN PACCO DONO!

Gli animali sono essere viventi con esigenze, sentimenti ed emozioni e come tali vanno rispettati. Se decidete di prenderne uno, di acquistarlo, adottarlo, ma soprattutto di regalarlo, ricordate: un cucciolo non è un peluches e comporta una responsabilità per tutta la vita, il suo ingresso in famiglia deve essere una scelta consapevole e non l’impulso del momento!

Buone Feste a tutti con i vostri amati pet!

A cura dello staff di Mypetclinic Clinica Veterinaria